programma
Pablo d'Ors

«Di rado concepisco i miei libri a partire da una trama o da un personaggio; piuttosto, preferisco partire da mondi che sento l'esigenza di esplorare, perlopiù per urgenze legate alla mia biografia: il mondo del museo, per esempio, o il manicomio, o il vagabondaggio, o il deserto». Nato a Madrid nel 1963, Pablo d'Ors si forma a New York, Vienna, Praga e Roma. Nel 1991 viene ordinato sacerdote e nel '96 consegue un dottorato in Teologia. Il cammino e la meditazione hanno improntato larga parte della sua opera letteraria e della sua vita spirituale, portandolo a compiere il pellegrinaggio di Santiago de Compostela, ad attraversare il deserto del Sahara, a soggiornare sul monte Athos. Nel 2014, dopo aver conosciuto il gesuita Franz Jalics, allo scopo di promuovere la pratica della meditazione ha dato vita all'associazione Amigos del Desierto. Nello stesso anno papa Francesco lo ha nominato consultore del Pontificio Consiglio della Cultura. Debutta come scrittore nel 2000 con la raccolta di racconti "El estreno", molto apprezzata dalla critica, e con "Las ideas puras", romanzo finalista al Premio Herralde. "Avventure dello stampatore Zollinger" (2010) è stato il suo primo libro tradotto in italiano e ha ispirato l'omonimo spettacolo teatrale di Matteo Codignola e Roberto Abbiati. In Italia sono usciti anche "Il debutto" (2012), "Biografia del silenzio" (2014), "L'amico del deserto" (2015), "Sendino muore" (2015) e "L'oblio di sé" (2016), biografia in forma di diario del beato Charles de Foucauld.

(foto: © Festivaletteratura)

Festivaletteratura Festivaletteratura


"Avventure dello stampatore Zollinger", Quodlibet, 2010

"Il debutto", Aìsara, 2012

"Biografia del silenzio", Vita e Pensiero, 2014

"L'amico del deserto", Quodlibet, 2015

"Sendino muore", Vita e Pensiero, 2015

"L'oblio di sé", Vita e Pensiero, 2016

Festivaletteratura