programma
Kim Thúy

Kim Thúy, nata a Saigon nel 1968, ha abbandonato il Vietnam all'età di dieci anni insieme alla propria famiglia e ad altri profughi vietnamiti. Rifugiata politica in Canada, è cresciuta a Montréal dove, dopo una laurea in traduzione e una in diritto, ha lavorato come interprete e avvocato. In seguito ha aperto un ristorante e si è occupata di critica gastronomica. I drammi della sua infanzia l'hanno spinta a raccontare ciò che ha passato insieme alla propria gente. Ne è nato "Riva", un romanzo in cui una bambina di dieci anni si trova nel fondo di una barca piena di cattivi odori con la speranza di arrivare in Malesia e iniziare una vita migliore. Il suo talento narrativo trova conferma in "Nidi di rondine" (2014) e in "Il mio Vietnam" (2017): qui la protagonista è una giovane ragazza di ottima famiglia, costretta ad abbandonare ogni certezza a causa della guerra e a passare dalla bolla ovattata in cui i suoi la precludevano alle mille difficoltà di un mondo estraneo e ostile, in cui un viaggio irto di insidie sembra ancora una volta la sola via di salvezza.

(foto: © Leonardo Cendamo)

Festivaletteratura Festivaletteratura


"Riva", Nottetempo, 2010

"Nidi di Rondine", Nottetempo, 2014

"Il mio Vietnam", Nottetempo, 2017

Festivaletteratura