Elizabeth Jane Howard, il ritratto di una vita fuori dagli schemi

9 9 2017

Elizabeth Jane Howard, il ritratto di una vita fuori dagli schemi

L'incontro ieri con Artemis Cooper, autrice della biografia della scrittrice inglese

Se i confini geografici sono valicabili, ancor più lo sono quelli che convenzionalmente delimitano i generi letterari: gli scrittori di questa edizione si dimostrano tra i più propensi a muoversi liberamente tra canoni, forme e registri espressivi.


Sono tanti gli elementi che fanno di Elizabeth Jane Howard una figura dal magnetismo unico nel mondo letterario: una storia personale tanto interessante quanto travagliata, segnata spesso dall’infelicità; la sua professione, quella di autrice di numerosi romanzi, sì, ma anche di attrice; e soprattutto, la sua attività letteraria, un intreccio di storie, figure e vicende complesse, affascinanti, talvolta effettivamente reali.

(caricamento...)

Una scrittrice inglese, Artemis Cooper, già autrice di alcune biografie, ha cercato di tirare le fila della vita di Elizabeth Jane Howard e di ricostruirne l’immagine attraverso i vari frammenti. Ciò che ne è nato è una biografia uscita pochi mesi fa, Elizabeth Jane Howard – Un’innocenza pericolosa, presentata ieri al pubblico di Festivaletteratura.

Artemis Cooper ha iniziato il lavoro mentre la scrittrice era ancora viva; «Jane era felicissima di quell’idea», ha spiegato la Cooper, e le ha offerto un grosso aiuto nella ricostruzione – l’ha addirittura messa in contatto con il suo psicoterapeuta. Nata nel 1923, la Howard è cresciuta in una famiglia agiata ma problematica – subisce le molestie del padre, ha un rapporto difficile con la madre che non la desiderava –, e ha deciso di scapparne il prima possibile. Unica via di fuga: il matrimonio, il primo. Ci saranno altri matrimoni (uno dei quali con lo scrittore Kingsley Amis) e altre relazioni nella sua vita, tutti guidati dal bisogno di ricevere affetto e amore, tutti ugualmente naufragati. Appassionata sin dall’infanzia alla scrittura, non l’ha mai abbandonata, nemmeno quando si è messa alla prova come attrice; successivamente, ha deciso di concentrarsi su di essa. Una carriera prolifica, la sua, a lungo rimasta ingiustamente in secondo piano. Tra i suoi romanzi, la celeberrima saga familiare dei Cazalet, che tocca da molto vicino la storia della sua stessa famiglia e che comprende cinque titoli – quattro finora quelli editi in Italia: Gli anni della leggerezza, Il tempo dell’attesa, Confusione e Allontanarsi.

Il ritratto della scrittrice che emerge dalla biografia di Artemis Cooper è quello di una donna «ambiziosa, piena di talento, bellissima» ma anche vincolata dall’insicurezza, dall’inquietudine e dall’emotività. In ogni caso, è stata proprio la forte sensibilità dovuta alle vicende personali a metterla in grado di descrivere così abilmente gli scenari familiari.



Per chi vuole approfondire il percorso, Festivaletteratura propone gli eventi: 35 IRONICI MALINCONICI - 39 IN PROFONDITÀ - 53 PICCOLE GRANDI STORIE - 65 IL PROFUMO DI LEGNO FRESCO 77 CON LA MEMORIA COMBATTO I MOSTRI - 90 LABILI CONFINI DELLA MENTE - 91 LE COSE NON SONO MAI COME APPAIONO -106 IL FILO ROSSO DEGLI UOMINI ILLUSTRI - 115 “L’AMORE SI IMPOSSESSAVA DI LEI” - 132 IL PONTE TRA L'AFRICA E L'EUROPA - 133 VERITÀ LETTERARIE - 136 NEL BAR DI PAESE - 145 UN UOMO DALLE MOLTE VITE - 160 TRA LE BRACCIA DI JESSE - 163 I MONTI SONO MAESTRI MUTI - 175 IL MONDO IN UNA STANZA - 194 NOI SIAMO CON TE - 201 DIARI PER IMMAGINI - 208 MISTERI LEGGENDARI - 210 SE SON ITALIAN, PERCHÉ ME CIAMO COVACICH?

Festivaletteratura