programma
Giovanni Albanese

Barese, classe 1955, è un artista e regista che vive e lavora a Roma. Si è laureato in Architettura al Politecnico di Torino. Verso la fine degli anni Ottanta ha abbandonato la pittura – a cui si è dedicato fin da adolescente – per sperimentare nuovi linguaggi espressivi. Di qui ha preso il via una ricerca contraddistinta da una vena lirica il cui unico fine sono la sorpresa, lo spettacolo, l'emozione. Ha cominciato ad accumulare oggetti selezionati e raccolti presso officine, sfasciacarrozze e mercatini dell'usato al fine di assemblarli, trasformarli. L'istallazione più suggestiva in questo senso è "Sinfonia", un pianoforte a coda di fronte al quale sostano cento estintori rosso fiammante, realizzata in occasione del MACRO di Roma nel 2001. Non mancano nel suo repertorio artistico opere pensate per il grande schermo. Nel 2003 è uscito nelle sale il lungometraggio "A.A.A.Achille", scritto con Vincenzo Cerami, vincitore del Giffoni Film Festival. Nel maggio 2011 è la volta del film "Senza arte né parte", ambientato nel mondo dell'arte contemporanea, prodotto da Lumiere e Rai Cinema e distribuito da 01. Nel 2009 ha esposto al Chelsea Art Museum di New York e negli ultimi anni ha esposto più volte le sue opere sia in Italia e all'estero. La sua ultima mostra, dal titolo "Altalena tra le stelle", è stata ospitata nel 2016 dall'Università degli Studi del Molise. È titolare della cattedra di Decorazione all'Accademia delle Belle Arti di Roma.

Festivaletteratura Festivaletteratura


"L'armata dei senzatetto", con Ascanio Celestini, Contrasto, 2018

Festivaletteratura