programma
Irene Borgna

Nata a Savona, classe 1984, ha frequentato il liceo classico studiando tre lingue e si è laureata a Genova con una tesi in filosofia dell'ambiente divenuta poi il libro "Profondo Verde. Un'etica per l'ambiente tra decrescita e deep ecology" (Mimesis, 2010). Ha conseguito un dottorato in antropologia alpina che le ha dato la possibilità di recarsi ripetutamente in Valle Gesso, dove ha seguito un corso come Accompagnatore naturalistico della Regione Piemonte. Nel 2011 ha ottenuto il brevetto e nel 2013 ha iniziato a usarlo. Oggi vive ai piedi della Bisalta e lavora come guida naturalistica nelle Alpi cuneesi, dalla Val Tanaro alla Valle Po, scrivendo di montagna e ambiente per testate giornalistiche quali "Alpidoc". Ispirata dall'affascinante figura del guardiacaccia e guardaparco Louis Oreiller, insieme a lui ha firmato "Il pastore di stambecchi" (2017), la biografia di un testimone della montagna che racconta le bellezze di un mondo perduto e immutabile, sospeso tra cime e malghe.

(foto: © Festivaletteratura)

Festivaletteratura Festivaletteratura


"Profondo Verde. Un'etica per l'ambiente tra decrescita e deep ecology", Mimesis, 2010

"Montagna: femminile plurale. Storie di donne che sono arrivate in alto", con Giacomo Pettenati, Zandegù, 2015 (e-book)

"Il pastore di stambecchi. Storia di una vita fuori traccia", Ponte alle Grazie, 2017

Festivaletteratura