programma

Relativa alle più antiche pratiche spirituali conosciute dall'uomo, la figura dello sciamano fa riferimento a chi, all'interno della propria comunità, assume il ruolo di tramite con entità soprannaturali ed è chiamato a portare equilibrio tra la realtà percepita e quella invisibile. Davi Kopenawa, sciamano e portavoce della tribù Yanomami del Brasile, da anni si batte per la sopravvivenza del suo popolo e per quella dell'intera foresta amazzonica, entrambi minacciati da deforestazione, epidemie e violenze perpetrate da cercatori d'oro e industrie a caccia di risorse naturali. La lotta indigena contro la geopolitica appare impari e gli organi governativi sembrano ciechi di fronte alle richieste di aiuto, eppure la resa non è opzione contemplabile: "Noi abbiamo due battaglie da combattere: quella per difendere la terra, il cielo, il vento, gli alberi; e quella per difendere la nostra terra, il nostro territorio. Gli sciamani sanno come si fa, è il loro lavoro". L'autore di La caduta del cielo parla della sua esperienza insieme allo scrittore Angelo Ferracuti.



Festivaletteratura Festivaletteratura
Palazzo Ducale - Basilica Palatina di Santa Barbara
Piazza Santa Barbara, 4 - Mantova
Festivaletteratura