programma

VARIAZIONE: la lavagna di Giovanni Bietti è posticipata alle ore 12.00. Invariato il luogo.

Il percorso umano e musicale di uno dei massimi compositori del Ventesimo secolo. A partire dai primissimi anni del Novecento, Bartók cominciò a raccogliere - direttamente sul campo, registrandoli su rulli di cera - canti contadini di diverse nazioni, pubblicandoli e sottolineandone le differenze e al tempo stesso i profondi legami. Un'esperienza che lo porterà a ricercare nelle proprie composizioni il legame tra le diverse culture, il dialogo multiculturale "ad onta di tutte le guerre e tutti i contrasti", come dirà lui stesso.

Il gesso è spezzato, la lavagna pulita: una nuova serie di lezioni a cielo aperto può iniziare! Onnivore verso il sapere come sempre, le lavagne quest'anno prediligeranno la geografia e la musica, non facendosi però mancare assaggi di altre scienze.



Festivaletteratura Festivaletteratura
Piazza Mantegna
Piazza Andrea Mantegna - Mantova
Festivaletteratura