La scrittura è una casa che Claudio Piersanti (Il ritorno a casa di Enrico Metz, La forza di gravità) e Andrea Vitali (Vivida mon amour, A cantare fu il cane, Viva più che mai) "abitano comodamente": tra i migliori e più prolifici narratori italiani contemporanei, i due autori sono maestri nella commistione di toni lievi e malinconici, attraverso i quali riescono a descrivere "personaggi che sembrano usciti da un piccolo mondo antico". Che siano gli abitanti della lacustre Bellano di Vitali o gli artigiani di mestieri ormai rari come il tipografo di Quel maledetto Vronskij di Piersanti, i protagonisti nati dalla penna di questi scrittori vivono la vita lontano dalla frenesia del mondo contemporaneo, eccezionali nella loro normalità e immersi in "storie d'amore senza retorica e frasi fatte, senza stupide esibizioni e dichiarazioni". Di storie di provincia e di come affrontare delicatamente in letteratura le dinamiche relazionali, i due autori discutono con Marianna Albini, moderatrice di gruppi di lettura.

Palazzo della Ragione
Piazza Erbe - Mantova