C'è chi viaggia per passione, chi per tradizione, per nobili cause o per superare i propri limiti. Muovendosi lungo la Via della Seta, così come da secoli i mercanti sulle vie carovaniere, l'antropologo David Bellatalla (Il grande viaggio, volume curato insieme al fotoreporter Stefano Rosati) ha intrapreso – fin dal lontano 1992 – un lavoro di investigazione scientifica sul nomadismo in Mongolia, ramificatosi in produzioni culturali e progetti umanitari. Sul palco lo affianca un'altra navigata viaggiatrice, l'alpinista bergamasca Nives Meroi, che, come Bellatalla, ha consumato suole e sudore in Asia Centrale, diventando una tra le pochissime persone ad aver scalato tutti i quattordici Ottomila, senza l'ausilio di ossigeno supplementare. Li incontra la guida naturalistica Irene Borgna (Cieli neri), per parlare insieme a loro di solidarietà, testimonianze e del costante “sogno della prossima meta".

Fondazione Università di Mantova - Aula Magna
Via Angelo Scarsellini, 2 - Mantova