A trent'anni dalla morte di María Zambrano (1904-1991), è doveroso dedicare onore e memoria a una delle più importanti pensatrici di tutti i tempi. È fondamentale il suo apporto alla rivoluzione filosofica e politica del Novecento, rivoluzione divenuta un'onda lunga che ha e avrà ancora voce in capitolo nella crisi contemporanea. Il sapere e la sapienza della filosofa hanno la forza e la risolutezza necessarie per attraversare la crisi della cultura europea, con una guida d'eccezione che insegna a essere e a fare quello che si dice e si pensa, nella radicalità di una vita pietosa. Le rendono omaggio quattro tra i maggiori studiosi zambraniani italiani: Annarosa Buttarelli (direttrice della collana "Corrispondenze di María Zambrano"), Elena Laurenzi (Il paradosso della libertà. Una lettura politica di María Zambrano), Rosella Prezzo (Pensare in un'altra luce. L'opera aperta di María Zambrano), Silvano Zucal (María Zambrano. Il dono della parola).

Palazzo della Ragione
Piazza Erbe - Mantova