Si sente spesso utilizzare un'antica espressione che recita "errare è umano" e numerosi studi sono stati compiuti sul bias cognitivo. Spostandosi però da un livello di analisi sull'individuo, preso singolarmente, a uno sui sistemi complessi, si scopre che i processi decisionali sfuggono molto più spesso di quanto pensiamo ai principi di logica e razionalità. La colpa è del rumore, quasi una nebbia che non solo è ostacolo per la ricerca scientifica, ma ha conseguenze tangibili sulla giustizia, sulla finanza, in campo medico e lavorativo. Lo psicologo israeliano Daniel Kahneman (Pensieri lenti e veloci), premio Nobel per l'Economia nel 2002 e presente in diretta streaming, discute di questo fenomeno insieme a Olivier Sibony, coautore insieme a lui (e a Cass R. Sunstein) dell'opera Rumore. Un difetto del ragionamento umano, fornendoci esempi dei modi in cui tale problema si manifesta nella vita quotidiana. Li incontra la giornalista Elisabetta Tola.

Gli autori parleranno in inglese, con interpretazione consecutiva in italiano.

In collaborazione con l'Institut français Italia e con il contributo dell'Ufficio Culturale dell'Ambasciata di Israele in Italia.

Palazzo San Sebastiano
Largo XXIV Maggio, 12 - Mantova