programma

Cambiamento climatico. Rinnovamento energetico. Stoccaggio dei rifiuti. Scarsità delle risorse minerarie. Sono solo alcune delle tante sfide, tutte interconnesse, capaci di cambiare il volto del nostro pianeta e la vita delle generazioni future. Un'aspettativa diffusa è che siano scienza e tecnologia a darci le risposte, offrendo soluzioni tecniche specifiche a ogni problema. Tuttavia, come ben dimostrato da Massimiano Bucchi, autore di Per un pugno di idee e di Scientisti e antiscientisti, innovazione e tecnologia sono concetti ben distinti. Dalla forchetta al mouse, dal salto alla Fosbury al contropiede, le idee rivoluzionarie sono spesso semplici, a bassa tecnologia, e frutto di processi lunghi, collettivi e non di rado inconsapevoli. In un mondo sempre più dipendente da sofisticati prodotti high tech, dobbiamo chiederci se e quando i processi di ricerca siano più adatti a creare tecnologia o innovazione, prodotti di consumo o strumenti con cui affrontare sfide complesse. Ne parla con l'autore Matteo Polettini, ricercatore in Fisica dei Sistemi Complessi presso l'Università del Lussemburgo.



Festivaletteratura Festivaletteratura
Fondazione Università di Mantova - Aula Magna
Via Angelo Scarsellini, 2 - Mantova
Festivaletteratura