Fouad Laroui

Scrittore marocchino, è nato a Oujda, al confine con l'Algeria, nel 1958. Ha studiato al liceo francese di Casablanca e in Francia come ingegnere, presso la prestigiosa École Nationale des Ponts et Chaussées di Parigi, conseguendo un dottorato in materie economiche. In passato ha lavorato nel settore minerario a Khouribga, una delle aree estrattive del Marocco più conosciute al mondo, mentre oggi divide il suo tempo tra Amsterdam, Casablanca e Parigi. Ha pubblicato varie opere di narrativa, tutte segnate da uno humour pungente e da un'innata attitudine al racconto, tra le quali: Un anno con i francesi (2015), in cui a tenere banco è lo choc culturale di un giovane marocchino che scopre la visione del mondo dei francesi; La vecchia signora del riad, tradotto in Italia nel 2020 e vincitore del Premio Goncourt; Le tribolazioni dell'ultimo Sijilmassi (2020); Lo strano caso dei pantaloni di Dassoukine (2021).

Festivaletteratura Festivaletteratura

VARIAZIONE: all’evento 126 con Fouad Laroui e Bruno Gambarotta sarà presente anche Cristina Vezzaro, la traduttrice italiana di tutti i libri di Laroui.



L'estate radicale, Del Vecchio, 2013

Un anno con i francesi, Del Vecchio, 2015

Le tribolazioni dell'ultimo Sijilmassi, Del Vecchio, 2019

La vecchia signora del riad, Del Vecchio, 2020

Lo strano caso dei pantaloni di Dassoukine, Del Vecchio, 2021 (in uscita)

Scopri i suoi libri su librerie.coop

Festivaletteratura