Kjell Westö

Scrittore e giornalista finlandese di lingua svedese (Helsinki, 1965), Kjell Westö ha esordito nel 1986 e da allora ha pubblicato poesie, racconti e romanzi. È tradotto in più lingue e ha ottenuto un vasto seguito in Europa soprattutto grazie a Miraggio 1938, un sofisticato noir che è anche «un'analisi strepitosa dei lati più oscuri della storia finlandese» (Kulturnytt, Sveriges Radio). L'opera è parte di una serie di romanzi ambientati nella Helsinki del XX secolo, lo ha consacrato come uno dei più noti scrittori nordici e gli è valsa, tra gli altri, il Premio del Consiglio Nordico, il Premio della Radio Swedese e il Premio Finlandia. Oltre a Miraggio 1938, in Italia è stato tradotto La sciagura di chiamarsi Skrake (Iperborea, 2020), un romanzo incentrato sulle eccentriche vicissitudini di un poetico antieroe e della sua famiglia.

Festivaletteratura Festivaletteratura


Miraggio 1938, Iperborea, 2017

La sciagura di chiamarsi Skrake (Iperborea, 2020

Scopri i suoi libri su librerie.coop

Festivaletteratura