Palazzo della Ragione
Piazza Erbe - Mantova

Il palazzo fa parte di quel nucleo di edifici cittadini sorti in epoca medioevale. Citato più volte in documenti dell'epoca come Palatium Novum del Comune, il palazzo venne edificato intorno al XI-XII secolo per assolvere alle funzioni civili pubbliche e destinato ad accogliere le assemblee e le adunanze cittadine o, in caso di cattivo tempo, il mercato che si teneva nella piazza sottostante. L'edificio fu più volte oggetto di modifiche, fin dalla metà del XIII secolo. Nel XV secolo vennero eretti i portici e nel 1472 fu innalzata la Torre dell'Orologio, realizzata su disegno di Luca Fancelli. L'anno dopo la Torre fu arricchita da un pubblico orologio ideato dal matematico ed astrologo Bartolomeo Manfredi. L'orologio dava conto delle ore del vulgo, delle posizioni dei pianeti, del crescere e del calare del giorno, dei segni zodiacali, delle fasi lunari, dei giorni favorevoli per far salassi, seminare, partire per viaggi e di altre cose «uteli in questo mondo». L'orologio funzionò sicuramente fino agli inizi del Settecento. In seguito fu trasformato in un normale meccanismo per il sole e per i minuti. Nel 1700, su progetto dell'architetto Doricilio Moscatelli, furono chiuse le trifore duecentesche ed aperte ampie e luminose finestre. Nella prima metà del '900, il palazzo fu riportato alla sua struttura originaria dall'architetto mantovano Aldo Andreani, eliminando le sovrapposizioni barocche. Adibito per secoli all'amministrazione della giustizia, dal 1997 è divenuto prestigiosa sede espositiva dei Musei Civici di Mantova, ospitando numerose ed importanti esposizioni d'arte organizzate dall'amministrazione comunale. Nell'ampio salone, di imponenti volumetrie, sono visibili sulle pareti di testa i resti di notevoli affreschi che raffigurano episodi bellici databili intorno alla fine del XII secolo, oltre a personaggi di storia sacra firmati dal parmense Grisopolo e databili alla metà del duecento.

Piazza Erbe - Mantova
t 0376 223810

VARIAZIONE: Serena Vitale non potrà essere presente al Festival. Confermata la presenza di Marco Archetti e Alice Farina all’evento 27.

VARIAZIONE: Giulia Caminito non potrà essere presente al Festival, neppure da remoto. Confermati gli altri ospiti dell'evento 43 (Davide Reviati e Marianna Albini).

VARIAZIONE: all'evento 65 con Ruth Padel e Paola Splendore è previsto l'accompagnamento musicale del Trio David.

VARIAZIONE: Serena Vitale non potrà essere presente a Mantova, neppure in collegamento da remoto. Confermata la presenza di Fernanda Alfieri e Chiara Valerio all’evento 108.

VARIAZIONE: all’evento 126 con Fouad Laroui e Bruno Gambarotta sarà presente anche Cristina Vezzaro, la traduttrice italiana di tutti i libri di Laroui.

Festivaletteratura