VARIAZIONE: l’incontro con Christoph Ransmayr e Melania G. Mazzucco, si terrà alle ore 12:15 anziché alle ore 11:00 come inizialmente previsto.

Brasile, Polo Nord, Mar Nero, Giava, Himalaya... l'amore per i viaggi, l'esplorazione e la scoperta traspare dalla cartografia letteraria che nasce dalle pagine di Christoph Ransmayr (Atlante di un uomo irrequieto, Il mondo estremo, Gli orrori dei ghiacci e delle tenebre), scrittore austriaco che ha iniziato le proprie osservazioni etnografiche e geografiche tra il 1978 e il 1982, come redattore culturale del periodico Extrablatt. Da sempre caratterizzato da una estrema cura nella ricerca linguistica, "Ransmayr è attratto dalla marginalità estrema, sotto vari profili (…) si interroga sui limiti della sopportazione umana rispetto alle forze naturali, sulle condizioni minime dell'antropizzazione dei luoghi" ed è stato indicato dalla critica come uno dei maggiori esponenti del postmodernismo. Affiancato sul palco da Melania G. Mazzucco (L'architettrice), altra narratrice dal preciso sguardo antropologico, l'autore di Il maestro della cascata porterà il pubblico di Festivaletteratura a viaggiare per il mondo, anche solo per lo spazio di un pomeriggio.

L'autore parlerà in tedesco, con interpretazione consecutiva in italiano.

In collaborazione con il Forum Austriaco di Cultura Milano.

Palazzo San Sebastiano
Largo XXIV Maggio, 12 - Mantova
Festivaletteratura