Famiglie regolarmente complicate

9 9 2015

Famiglie regolarmente complicate

I nuovi legami familiari illustrati da Susin Nielsen

Festivaletteratura per i più piccoli: sei giovanissimi collaborano con la redazione per offrire un resoconto dettagliato di tutti gli eventi dedicati ai bambini e ai ragazzi.


Si è svolto alla Cappella di Palazzo del Mago l'incontro del pubblico con la scrittrice canadese Susin Nielsen, accompagnata da Vera Salton. Nella parte iniziale dell'evento le due autrici hanno dialogato sui libri Caro George Clooney, puoi sposare la mamma? e Siamo tutti fatti di molecole pubblicati dalla scrittrice canadese in Italia. Nel primo si racconta la storia di Violet, una ragazza che si trova a vivere sola con sua madre, dopo che il padre le ha lasciate per creare una nuova famiglia. Violet desidera che sua madre trovi un compagno all'altezza e non perda tempo frequentando uomini ritenuti da lei ''sbagliati'', per questo sceglie e contatta per lei l'attore George Clooney. Tra disastri e problemi familiari riesce ad incontrarlo e l'attore le consiglia di dare più importanza all'amore di sua madre verso il suo ultimo compagno rispetto alla propria paura di una nuova figura paterna in famiglia.

Nel secondo racconto si presenta nuovamente una difficile situazione familiare: Ashley, una ragazza attenta alle apparenze che ha appena perso il padre, si ritrova a convivere con Stephan, il fratellastro, figlio del nuovo compagno di sua madre. Stephan è un ragazzo particolare, superdotato e introverso, con cui Ashley ritiene che non andrà sicuramente d'accordo. Anche lui ha subito una perdita familiare: quella di sua madre. Dopo varie peripezie si formerà un'unica famiglia che condividerà storie e segreti. Il titolo è ispirato alla ricerca dei due protagonisti di "molecole" della loro vita passata che aiuteranno a creare un legame familiare saldo, che sa accettare le diversità dei componenti.

Entrambi i racconti sono ispirati alla vita dell'autrice che si è trovata a convivere da adolescente con un fratellastro e una sorellastra.

Festivaletteratura