L'amore necessario

27 7 2018

L'amore necessario

Un ricordo di Clara Sereni, scomparsa ieri, e dei suoi incontri al Festival

«Siamo tutti legati l'uno all'altro da un filo – scrisse una volta Clara Sereni – ma quando all'altro capo del filo c'è una persona disabile tutto cambia». L'autrice romana, che si è spenta ieri sera a Perugia, per tutta la vita ha davvero fatto di questi fili la cifra della sua opera letteraria e del suo impegno sociale, fino alla creazione di quel piccolo modello virtuoso che è tutt'oggi La Città del Sole. All'altro capo sapeva trovare gli ultimi, e cercava con tutte le forze di non abbandonarli. Bene lo dimostra il fatto che in queste ore, tra gli omaggi e i ricordi di chi ha avuto la possibilità di incontrarla e ascoltarla, insieme all'ormai celebre "casalinghitudine" torni di continuo un altro neologismo da lei coniato: Clara Sereni si definiva "ultimista" proprio perché in tutte le storie di disabilità fisica e psichica in cui si imbatteva nella vita e nella scrittura, in tutti quei racconti di dolorosa marginalità e di disarmante umanità, riusciva a identificarsi come poche persone. Lo si evince da un'opera in particolare, quel Taccuino di un'ultimista che è forse la più felice e diretta testimonianza della sua avventura esistenziale e professionale, della sua passione politica, delle sue lotte pubbliche e private per dare a tutti pari dignità.

L'ultima volta che venne a Mantova correva l'anno 2009. Era da poco uscita l'antologia Amore caro, una raccolta di lettere in forma di racconto che personaggi dello spettacolo, della politica e delle letteratura, avevano indirizzato ai rispettivi familiari affetti da handicap permanenti. Insieme a Bruno Gambarotta e alla giovane scrittrice Pulsatilla, questa «donna che ha speso gran parte della sua esistenza al servizio della comunità e delle persone più svantaggiate» – come l'ha omaggiata oggi il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – aveva parlato con delicatezza di fragilità umane, di relazioni interpersonali che proprio davanti alla malattia ci riportano al significato più profondo della parola "amore".

(caricamento...)

Una breve nota finale, unita al ricordo del suo ultimo incontro al Festival, merita anche la foto di copertina che abbiamo scelto per accompagnare questo piccolo post: risale al 2008, anno in cui la Sereni è stata protagonista di un memorabile blurandevù insieme a un gruppo di fantastici intervistatori. Nel rispondere alle domande e alle suggestioni dei giovani volontari era riuscita a capovolgere l'intervista, a interpellarli con sincera curiosità, a chiedere loro come mai fossero ancora così ancorati ad alcuni fenomeni del passato, invitandoli a raccontarsi fino al canto di chiusura. Era stata una bella sorpresa, e ci fa piacere che ancora oggi qualcuno dei partecipanti ripensi con affetto a quell'incontro.

(caricamento...)

Festivaletteratura