Coping
Roger McGough
v., dall'inglese
Festivaletteratura fronteggiare

1. To deal successfully with, to handle or manage a situation. One that is often difficult.

Archaic: To meet in battle (from Medieval French coper to strike)

2. To provide a capping or covering for a wall. Usually of stone, but may refer to a piece of woodwork (from French couper to cut)

3. To put on a cloak prior to a ceremonial occasion (from the Latin capa).

The word ‘cope’ rhymes with ‘hope,’ in which we as a nation live.

And ‘tightrope’ on which we constantly walk.

Coping is an essential British quality meaning to make the best of things, to look on the bright side. Displaying not ‘a stiff upper lip’, but rather a rueful smile.

Keep Calm and Carry On was a motivational poster issued by the Ministry of Information in 1939 before the outbreak of the Second World War which has recently been reclaimed up and down the country.

We keep calm, we carry on. We cope.

Coping: far fronte, fronteggiare, essere all’altezza, tener testa, rivestire, coprire, indossare.

1. Affrontare, condurre, gestire con successo una situazione. Una situazione che è spesso difficile.

Arcaico: Incontrare in battaglia (dal francese medievale coper, colpire)

2. Munire di rivestimento o copertura un muro. Di solito di sasso, ma può essere riferito anche a un oggetto in legno (dal francese couper, tagliare)

3. Indossare un mantello o una cappa prima di una cerimonia (dal latino capa)

La parola “cope” fa rima con “hope”, speranza, nella quale, come nazione, viviamo. E fa rima con “Tightrope”, filo, sul quale costantemente camminiamo.

“Coping” è una qualità propriamente britannica, significa cercare di ottenere il meglio da ciò che si ha, di guardare il lato illuminato. Non già fare buon viso a cattivo gioco, ma piuttosto mostrare un sorriso compassionevole.

Stai calmo e Vai Avanti era un manifesto motivazionale pubblicato dal Ministero dell’Informazione nel 1939, prima dello scoppio della seconda Guerra mondiale che da poco era stata rivendicata da tutta la nazione.

Stiamo calmi e andiamo avanti. “We cope”: facciamo fronte (e speriamo).



Festivaletteratura

con il sostegno di

Festivaletteratura