Hiraeth
Cynan Jones
s., dal gallese
Festivaletteratura malinconia per un luogo

Just to focus on the word hiraeth, in this context. I think it is a peculiarly Celtic thing and in terms of the literature of the Celtic language, Welsh being a Celtic language, there seems to be a fascination with removing yourself from the place and the people that you love in order to write about it from a distance which, to tie on to the question about su ering, certainly seems as something other people do. The Irish writers were in Paris, they left, and a lot of the songs, a lot of the literature is written by people who have left the country and then retrospectively coming to love it, while there is actually quite a degree of dismissiveness when you stay there. So there is almost a deliberate sense of putting yourself away from the things which are then going to create the sense of belonging. Hiraeth is not homesickness in the way the English homesickness exists. Hiraeth is a sort of feeling that you might get if you want to put on sad music because it makes you feel better. It is what you choose to do in some respect. So it is melancholy, but it is chosen.

Vorrei concentrarmi sulla parola hiraeth, in questo contesto. Ritengo sia un concetto tipicamente celtico e, se si pensa alla letteratura di questo gruppo linguistico, cui appartiene anche il gallese, si nota una sorta di fascinazione insita nell’allontanarsi dal luogo e dalle persone che si amano per scriverne a distanza. E questo, per ricollegarsi alla questione della sofferenza di cui si parlava, è qualcosa che fanno anche altre persone. Gli scrittori irlandesi, per esempio, stavano a Parigi, se ne andavano. E gran parte delle canzoni e della letteratura è scritta da persone che hanno lasciato il loro paese nendo per amarlo retrospettivamente, mentre quando ci si vive spesso c’è una tendenza a disprezzarlo. Dunque sembra quasi esserci una deliberata volontà di ritirarsi della cose che solo in seguito creeranno un senso di appartenenza. Hiraeth non è la nostalgia nello stesso modo in cui la si intende con la parola inglese homesickness, ma quel genere di emozione che si prova a volte quando viene voglia di me ere su una musica triste perché fa sentire meglio. In un certo senso è una cosa che si sceglie. Dunque è malinconia, ma intenzionale.



Festivaletteratura

con il sostegno di

Festivaletteratura