Oilean
Colm Toibin
s., dal gaelico
Festivaletteratura isola

Ireland is an island – oilean in Gaelic. Even in the Irish midlands you can sense light from the sea. Because Ireland is an island, it was always easy to invade in the time before tanks and drones. So Irish people are made up of many different races, most of them invaders. But everywhere, even the most landlocked place, is an island too since there is so much sea all around. As the American poet Elizabeth Bishop asked: who decides what an island is? I like groups of islands and their names – for example, some of the Aeolian Islands have wonderful names such as Filicudi and Alicudi, and some of the Blasket Islands off the west coast of Ireland have names like Inishtooskert and Inishvickillane. There is no pleasure like approaching a small island on a warm day in early September on a ferry boat.

L’Irlanda è un’isola – oilean in gaelico. Perfino dalla regione delle Midlands si percepisce la luce proveniente dal mare. Essendo un’isola, l’Irlanda è sempre stata facile da invadere nell’epoca precedente i carri armati e i droni. Per questo la popolazione irlandese è composta da molte razze diverse, per lo più invasori. Ma qualsiasi luogo, anche il più continentale, è anch’esso un’isola, considerato che tutt’intorno c’è tanto mare. Come disse la poetessa Elizabeth Bishop: chi decide che cos’è un’isola? A me piacciono gli arcipelaghi e i loro nomi – per esempio, alcune delle Eolie ne hanno di bellissimi come Filicudi e Alicudi, mentre nelle Blasket, al largo della costa occidentale dell’Irlanda, troviamo nomi come Inishtooskert e Inishvickillane. Non c’è niente di più piacevole che avvicinarsi a un’isoletta, a bordo di un traghetto, in una calda giornata d’inizio settembre.



Festivaletteratura

con il sostegno di

Festivaletteratura