4 passi al Festival

5 5 2017

4 passi al Festival

Dal 13 maggio al 14 giugno, quattro incontri e tanti temi per avvicinarsi alla prossima edizione di Festivaletteratura!

Economia, ambiente, cure palliative e, ovviamente, tantissima narrativa: nelle prossime settimane, Festivaletteratura vi invita a quattro incontri a ingresso libero per accompagnarvi dritti alla prossima edizione del Festival e alla tradizionale presentazione dei nomi in piazza.

(caricamento...)

Il primo appuntamento sarà sabato 13 maggio alle 18:00 presso il Cinema Oberdan di Mantova e vedrà intervenire il poeta e romanziere statunitense Ben Lerner, già autore del caso letterario Nel mondo a venire (Sellerio, 2015). Nato a Topeka, Kansas, nel 1979, Lerner ha pubblicato tre raccolte poetiche che si sono aggiudicate prestigiosi riconoscimenti come il Preis der Stadt Münster für Internationale Poesie in Germania e la candidatura per il National Book Award. Nel recente Odiare la poesia (Sellerio, 2017), ha firmato «una grande critica del genere poetico, e una delle sue difese più appassionanti» (Bookforum), di cui discuterà insieme ad Andrea Ranzato.

Lunedì 15 maggio alle 21:00, alla Loggia del Grano della Camera di Commercio di Mantova e in occasione del XX anniversario di "Per corti e cascine", l'economista, sociologa e documentarista Silvia Pérez-Vitoria dialogherà con il giornalista Giorgio Vincenzi sul ruolo fondamentale che l'agricoltura contadina continua a rivestire nella società moderna, in un incontro organizzato in collaborazione con il Consorzio Agrituristico Mantovano "Verdi Terre d'Acqua". Pérez-Vitoria è attivamente impegnata a portare avanti in tutto il mondo la causa contadina e ha realizzato sull'argomento vari documentari (negli Stati Uniti, in Francia, in Spagna, nel Messico, in Eritrea, in Bolivia, in Nicaragua) raccogliendo una quantità straordinaria di informazioni e dati, ma anche di testimonianze ed esperienze. Il suo ultimo libro è Manifesto per un XXI secolo contadino (Jaca Book, 2016).

L'assistenza consapevole e compassionevole di fine vita sarà invece al centro dell'intervento di Frank Ostaseski al Conservatorio di Musica "Lucio Campiani" (lunedì 5 giugno alle 21:00), intervistato dall'esperto di cure palliative Luciano Orsi. Insegnante buddhista, già co-fondatore dello Zen Hospice Project di San Francisco, Ostaseski ha creato nel 2004 il Metta Institute, fornendo un servizio compassionevole ai morenti e alle loro famiglie. Per il suo impegno a favore dei malati è spesso invitato in qualità di keynote speaker da molte organizzazioni sanitarie internazionali e, nel 2001, il Dalai Lama gli ha conferito un riconoscimento in virtù della sua pluriennale attività sul campo.

Per finire, mercoledì 14 giugno alle 21:00, presso la Loggia del Grano della Camera di Commercio, gli appassionati di thriller non potranno che gioire del ritorno a Mantova di Jeffery Deaver, già ospite di una delle prime edizioni di Festivaletteratura. Con Il valzer dell'impiccato (Rizzoli, 2017), Deaver, classe 1950, firma un nuovo capitolo del ciclo di Lincoln Rhyme, che a partire da Il collezionista di ossa lo ha reso uno degli autori più letti del pianeta, con romanzi tradotti in 25 lingue. Insieme a Luigi Caracciolo, lo scrittore americano ricostruirà l'ultima indagine mozzafiato dei suoi celebri personaggi.

Tutti gli incontri, a ingresso libero, saranno un'occasione per sottoscrivere o rinnovare la propria tessera Filofestival 2017, offrendo un prezioso sostegno alla vita e all'attività dell'Associazione. Le quote di iscrizione a Filofestival restano invariate per tutto il 2017 (6 euro per i soci junior, 12 euro per gli under 25, 20 euro per i soci ordinari, contributi maggiori di 30 euro per i soci sostenitori).

Festivaletteratura