​Rifrazioni II. Percorsi alternativi di Festivaletteratura

1 9 2018

​Rifrazioni II. Percorsi alternativi di Festivaletteratura

Lo sguardo dei volontari sul prossimo Festival

Programma alla mano, i nostri volontari hanno creato il loro itinerario per Festivaletteratura, ciascuno con un tema diverso. Nascono così i percorsi alternativi, che sono anche suggerimenti per vedere il Festival con uno sguardo nuovo e perdersi con metodo tra le strade della città.

La nona arte

Quando si è a corto di parole, le immagini prendono piede. Festivaletteratura darà l’occasione ad adulti e bambini di ascoltare artisti ferrati nel campo dell’illustrazione, dalle classiche strips ai manga e ai graphic novels, di scoprire i segreti del mestiere e discutere sui temi principali che gli illustratori presentano nelle loro opere. Il fumettista romano Zerocalcare si confronterà con Leonardo Bianchi su come i loro lavori mirino a dare un nuovo punto di vista sulle cosiddette “zone di degrado” nelle periferie delle grandi città (evento 150, "La gente e il decoro"). L’ironia dolceamara dei personaggi di Zerocalcare comparirà anche nel suo incontro con Fabio Genovesi ed Elsa Riccadonna (evento 203, "Altezza Zero"), in cui i due artisti offriranno nuove prospettive delle loro città. È questa quotidianità, così diversa dalle immagini patinate dei dépliant turistici, che appare sotto diverse sfumature nei lavori di un’altra artista romana, Takoua Ben Mohamed, che parlerà di come i suoi manga siano materiale da graphic journalism per raccontare la quotidianità e la lotta contro pregiudizi (Accenti, "Tra manga e graphic journalism").

Seguendo questa linea di illustrazione intimista, Raina Telgemeier e Sualzo presenteranno modi alternativi per trasmettere in modo ironico i piccoli ostacoli giornalieri che adolescenti e bambini si trovano ad affrontare (evento 197, "La regina del graphic novel"), mentre Sonia Maria Luce Possentini e Pia Valentinis racconteranno storie di adulti e il rapporto con la fatica e la meraviglia del loro lavoro (evento 77, "Ferro"). Per i più giovani ci sarà anche l’opportunità di sperimentare di persona la trasformazione dei propri pensieri in vignette grazie al progetto My Life in Strips, in cui Raina Telgemeier e Daniel Cuello introdurranno i ragazzi al fumetto come tipo di narrazione intimista, utile a raccontare e raccontarsi (evento 33, "Raccontare i fatti propri a fumetti" e evento 96, "My life in strips: transformation"). È questa la strada che hanno preso Alice Keller e Veronica Truttero quando, partendo dal loro fumetto sui sogni di Emily, spingeranno i ragazzi a vedere le loro aspirazioni materializzarsi grazie alla creazione di “fumetti coraggiosi” (evento 192, "Scrivere controcorrente tra sfide e desideri").

Festivaletteratura