Cinque link verso Festivaletteratura (II)

19 7 2017

Cinque link verso Festivaletteratura (II)

Lo strano caso di un bestseller per taglialegna, il racconto dell'ultraventennale rapporto che lega Alessandro Piperno a Philip Roth e un po' di cose che non sapevate sull'alluminio, tra le letture che vi proponiamo questa settimana.

Seconda puntata della nostra rubrica settimanale: una selezione di articoli, video e interviste alla scoperta degli autori e dei temi della prossima edizione (se volete recuperare la prima puntata la trovate qui).


«S'intitola come un romanzo di Murakami, come una canzone dei Beatles, Norwegian Wood. L'ha scritto un giornalista e narratore norvegese, Lars Mytting; è stato tradotto in dieci paesi. Perché? Perché è un manuale. Acqua. Perché parla di un'antica attività umana? Fuochino. Perché è un antimanuale? Fuochetto. Perché parla di una cosa che vi riguarda in ogni caso, sia vi apprestiate a farla oppure no? Fuoco!». Marco Belpoliti racconta le ragioni dell'inatteso successo di Norwegian wood: Il metodo scandinavo per tagliare, accatastare e scaldarsi con la legna di Lars Mytting.

(caricamento...)

Jose Eduardo Agualusa non è solo uno dei più grandi scrittori in lingua portoghese, è anche uno che vince 100.000 € in un premio letterario e li usa per costruire una biblioteca pubblica. Lo racconta il Guardian in questo profilo dedicato allo scrittore angolano.

(caricamento...)


Un racconto dell'esperienza di Melissa Magnani tra le sue "Isole di silenzio", il progetto selezionato nei pitching di "Meglio di un romanzo" 2016, insieme a qualche anticipazione sull'edizione 2017 della rassegna dedicata al giornalismo narrativo. (Promemoria: se avete tra i 15 e 30 anni e una storia da raccontare, qui trovate il bando. C'è tempo fino al 7 agosto per partecipare alla call for papers).

(caricamento...)


Secondo il premio Nobel per la letteratura Mario Vargas Llosa, Patria, il monumentale romanzo dello scrittore basco Fernando Aramburu è a un tempo «una finzione commovente e intelligente [...] e la testimonianza eloquente di una realtà storica, come lo furono, a suo tempo, il romanzo di Joseph Conrad The Secret Agent, sugli anarchici londinesi dell'Ottocento, o La Condition humaine, di André Malraux, sulla Rivoluzione Cinese». Chi invece non sa lo spagnolo, può leggere l'ottima recensione di Guido De Franceschi su IL, Leggere “Guerra e pace” a San Sebastián.

(caricamento...)


«Scrivo di Philip Roth da più di vent'anni. Forse è l'argomento cui sono stato più fedele da che lasciai la penna per una tastiera. C'è una zona della mia libreria stipata di decine di edizioni dei suoi libri (in italiano, inglese, persino qualcuno in francese e in spagnolo). Afferrarli, maneggiarli, stropicciarli, sottolinearli, chiosarli, scarabocchiarli è stato uno dei piaceri e uno dei tormenti della mia vita di adulto. Mi chiedo se certi esegeti della Torah, di fronte al loro misterioso oggetto di studio, si sentano altrettanto confusi». Alessandro Piperno, che proprio di Roth parlerà al Festival, racconta il suo intimo rapporto con il grande scrittore americano.

(caricamento...)


BONUS TRACK: Mark Miodownik è un grande divulgatore scientifico, specializzato nella fisica dei materiali. Nelle sue trasmissioni per la BBC ci porta alla scoperta della storia dei materiali e di alcune tra le più appassionanti scoperte della scienza. In questo breve video, per esempio, ci svela come e perché l'alluminio è diventato il metallo che ha permesso all'uomo di spiccare il volo, portandoci nell'era dell'aeronautica.

(caricamento...)

Festivaletteratura